Life Style


Diversi anni fa Hillary Clinton dichiarò che Toscana e Provenza erano per lei i luoghi della Terra dove avrebbe potuto pensare di vivere meglio. Di recente Jennifer Lopez ha espresso il desiderio di vivere in un paesino in Italia, ha parlato di piante d’ulivo, di sedia a dondolo, di bicicletta, e di comprare il pane appena sfornato. Per questo la Toscana entra di diritto nel novero dei territori candidati a diventare meta della bella a brava JLo. Sting ha comprato a Figline Valdarno una villa del XVI secolo, la Tenuta Il Palagio, , e vi spende felice parte del suo tempo.

Molte star di livello internazionale, passano dalla Toscana, vi soggiornano e sognano di viverci. Questo perché la Toscana è uno dei più bei territori del mondo, tra i più classici e i più dolci. Dalle colline ai monti al mare alle isole ai fiumi ai laghi, è una regione che trabocca di bellezza, di arte, di storia, di cultura. Vanta straordinarie città come Firenze, Siena, Pisa, Lucca, Arezzo, Pistoia, oltre a innumerevoli paesi e borghi, uno più affascinante dell’altro. Possiede un lifestyle da esportazione, raggiunge l’eccellenza nell’enogastronomia.

Se la Toscana è una sola, si può tuttavia suddividere in aree, ciascuna con le proprie caratteristiche, storia, e tradizioni.

La Maremma, ad esempio, per estensione un quarto dell’intera regione, patria della slowlife, è un ininterrotto succedersi di coste, spiagge, oasi naturali, lagune, promontori, testimonianze etrusche e romane, borghi incantati e colline di straordinaria bellezza. L’arcipelago toscano, interamente parco nazionale, annovera 7 perle di isole, di cui l’Elba è la più grande.

La Val d’Orcia - patrimonio UNESCO - è la Toscana da cartolina (e da film vincitori di tanti premi oscar), la Toscana dei filari di cipressi, delle ondulazioni del grano maturo, degli storici borghi.

Il Chianti è la Toscana del grande vino, del grande olio EVO, delle grandi tradizioni. E poi c’è la Versilia delle spiagge, la verde, collinare, Val d’Elsa, il Mugello e il Casentino dei silenzi boscosi, la fiabesca Garfagnana, e molto molto altro.

Perché anche se siamo toscani, non finiamo mai di vederla. E di ammirarla.




                                                                                                        


BIODIVERSITY

Come ben immaginerete, la biodiversità non è distribuita in maniera uniforme sul Pianeta. L’Italia grazie alla particolare posizione geografica, è custode di uno tra i più grandi patrimoni mondiali di biodiversità. Sì, avete letto bene: patrimonio mondiale!

Italia: un hotspot di biodiversità

Il merito è in gran parte dovuto ai venti che soffiano dai nostri mari verso la terra (e viceversa), ma soprattutto, dalla privilegiata concentrazione di irraggiamento solare. L’Italia seppur concentrata in una ridotta superficie, pensate che occupa all’incirca lo 0,2% della superficie terrestre, immagazzina una grande quantità di energia. Le suddette aree geografiche ad elevata concentrazione di irraggiamento solare, si chiamano hotspot, zone calde, appunto. E dove trovare hotspot di biodiversità, se non nel

Bel Paese?

La biodiversità toscana

Pur non essendo biologi la naturale bellezza, la varietà e la ricchezza della biodiversità toscana, è di dominio pubblico. Più volte abbiamo parlato della straordinarietà panoramica, che la Toscana offre agli occhi del visitatore. Siamo certi che una volta finita l’emergenza, la nostra regione sarà nuovamente mèta ambita da turisti di tutto il mondo.

Chiudi gli occhi e immagina…

Se da una parte non possiamo spostarci dalle nostre abitazioni, nessuno ci vieta di chiudere gli occhi, e fantasticare di trovarci tra le colline toscane. Evocano pura poesia. Immaginate i campi coltivati, che a colpo d’occhio sembrano la tavolozza di un pittore, e gli ipnotici filari di vite. Proseguite verso le ammalianti vallate che, estese fino alla costa, si riversano nelle acque calme e cristalline del Mare Tirreno. No, non abbiamo dimenticato le montagne incantate. Potremmo continuare per ore!

                               

La biodiversità toscana, permette a numerose specie vegetali ed animali di sopravvivere e mantenersi inalterate; in sua assenza, non sarebbero mai arrivate ai nostri giorni. La somma di questi fattori, contribuisce anche a generare un’eccellenza del settore alimentare: i prodotti tipici toscani.


ART

Difficile trovare un territorio al mondo che contenga più arte di questa regione. Soltanto la Galleria degli Uffizi, a Firenze, insieme al Corridoio Vasariano, racchiudono un’immensa quantità di capolavori: da Raffaello a Botticelli, passando per i nuclei fondamentali delle opere di Giotto, Tiziano, Pontormo, Bronzino, Andrea del Sarto, fino a maestri del calibro di Caravaggio, Dürer, Rubens, e molti altri. Nella Galleria dell’Accademia, sempre a Firenze, è conservato il David di Michelangelo - primi del ‘500, alto oltre 5 metri -, probabilmente la più importante e famosa statua in marmo di tutti i tempi. A Palazzo Pitti si concentrano le opere pittoriche del Cinquecento e del Barocco (da Giorgione a Tiziano, da Ribera a Van Dyck), ma anche dell’Ottocento e del Novecento italiano.

E così il Duomo, il Battistero, il Campanile di Giotto, Palazzo Vecchio, il Bargello, le basiliche di Santa Maria Novella, Santa Croce, Santo Spirito, il Convento di San Marco, l’Abbazia di San Miniato al Monte, essi stessi arte allo stato puro, contengono molti capolavori dei più grandi maestri di sempre. E se Firenze è tutta arte, anche Siena, Pisa, Lucca, Arezzo, Grosseto, solo per citare le città toscane più importanti, rappresentano meravigliosa arte architettonica (in alcuni casi miracolosa, se si pensa alla Torre Pendente) e costituiscono a loro volta scrigni d’arte immensa, ineguagliabile. Poi c’è l’arte sparsa in ogni dove, quella dei tantissimi paesi, delle cittadine, dei borghi, l’arte di edifici favolosi, mistici, come l’Abbazia di San Galgano, la Certosa, di Calci, quella di Firenze, o l’Abbazia di Sant’Antimo, in Val d’Orcia. State con noi, non perdetevi il nostro viaggio infinito nella grande bellezza toscana.


WINE AND FOOD

Manteniamo il solito profilo bassissimo e diciamo che la Toscana nel wine&food avrebbe in effetti qualcosa di dire. Insieme al Piemonte è la regione italiana più importante per il vino con territori d’elezione come il Chianti, Montalcino,

Bolgheri e Montepulciano (ma anche la Maremma sta scalando veloci posizioni), e con vini d’eccezione come il Tignanello o il Solaia di Antinori (Chianti), come il Masseto o il Sassicaia (Bolgheri) - il primo prodotto dalla Tenuta Ornellaia della famiglia Frescobaldi, il secondo dai marchesi Incisa della Roccheta nella famosa tenuta San Guido, primo vino italiano di un’unica cantina ad avere una DOC riservata appositamente, come accade in Francia per pochissime celeberrime etichette -, o come il Brunello di Montalcino Riserva della Tenuta Greppo di Biondi Santi, o il Brunello di Montalcino Riserva di Case Basse di Gianfranco Soldera.


Ma il vino in Toscana non è solo appannaggio delle grandi tenute famose a livello mondiale. Esistono centinaia, migliaia, di aziende che ogni giorno col loro sacrificio e la loro importante competenza tengono alto il livello della produzione della nostra regione.

E poi c’è il food, sia come materia prima - la Toscana è una delle più apprezzate in Italia per la sua offerta agroalimentare con ben 16 DOP e 15 IGP -, che come produzione - un nome per tutti: il Caseificio Il Fiorino, a Roccalbegna, uno dei produttori numeri uno al mondo -, che come ristorazione: 1 ristorante tre stelle Michelin, l’enoteca Pinchiorri a Firenze; 4 due stelle: Bracali e Da Caino in provincia di Grosseto, rispettivamente a Ghirlanda e Montemerano, il Piccolo Principe a Viareggio e Arnolfo a Colle val d’Elsa; 35 con una stella. Ma ce ne sono tanti di ottimi ristoranti in Toscana. Qualche consiglio? Chiedici pure!

LUXURY SHOPPING IN TUSCANY: an amazing experience

Quando Madre Natura stava distribuendo il fascino, doveva aver accumulato le chicche quando arrivò in Toscana, a metà della penisola italiana. Conosciuta per il suo vino pregiato, l'arte rinascimentale e la cucina gourmet, la Toscana è orgogliosa di essere anche un'ottima destinazione per lo shopping di lusso in Italia.

Milano potrebbe essere una capitale della moda e del design di fama internazionale, ma, per molti, la vera casa dello stile italiano è Firenze, splendida città storica piena d'arte, con strade medievali fiancheggiate da calzolai artigianali, negozi di abbigliamento su misura e storici mercati della pelle.

La via più famosa ed elegante della città, via de 'Tornabuoni, ospita la prima proprietà di Salvatore Ferragamo, nonché gli showroom dei migliori stilisti, tra cui Prada, Gucci, Dolce & Gabbana, Armani, Emilio Pucci e Roberto Cavalli. Passeggiando per Via del Corso troverai una serie di boutique innovative e negozi moderni di tutti i giorni, cherappresentano marchi nazionali e locali. Via dei Calzaiuoli è una strada popolare di

Firenze, piena di boutique per donne dello shopping e negozi alla moda.

A La Rinascente, la risposta italiana a Macy, puoi trovare di tutto, dalla moda maschile e femminile ai prodotti per la casa e le forniture di bellezza.

Il negozio di Firenze dispone di una terrazza panoramica che offre una vista straordinaria sulla città



Luxury Shopping in Tuscany :

A sud di Firenze si trova il paradiso dei cacciatori di occasioni. Più di alcune importanti città outlet si trovano in Toscana, dove hai la possibilità esclusiva di acquistare articoli di lusso firmati a prezzi stracciati.

Il punto vendita più famoso della Toscana è The Mall, a Reggello, a trenta minuti di auto a sud di Firenze. Ci sono autobus navetta regolari che viaggiano dalla stazione degli autobus SITA di Firenze, di fronte alla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, fino al The Mall Outlet.

The Mall ha un certo numero di marchi di lusso in un unico posto, tra cui Salvatore Ferragamo, Bottega Veneta, Prada, Giorgio Armani, Tod's, Gucci, Alexander McQueen, Sergio Rossi, Valentino e Yves Saint Laurent, solo per citarne alcuni. Il Fendi Outlet è vicino a The Mall e vende i prodotti della scorsa stagione con uno sconto del 50%. L'outlet Roberto Cavalli si trova nella zona industriale fiorentina e offre abbigliamento, borse e accessori della scorsa stagione.

A Incisa in Val D’arno, vicino a Firenze, troverai l'outlet Dolce & Gabbana, con un vasto assortimento di abbigliamento, calzature, borse, occhiali da sole, orologi e gioielli della passata stagione.

Una menzione speciale va al Barberino Designer Outlet, situato in una splendida cornice nella Valle della Sieve, a nord di Firenze, e progettato per sembrare una città rinascimentale. Ci sono oltre 100 negozi per tutti i gusti qui, che vanno dai marchi di moda iconici come Michael Kors, Calvin Klein e Polo Ralph Lauren, alle etichette sportive come Adidas, Puma e Sergio Tacchini. I cittadini extracomunitari possono fare acquistiin esenzione fiscale: il paradiso per un'esperienza di shopping in Toscana.

Quando è il migliore periodo per visitare la Toscana?

Il clima in Toscana è generalmente molto mite, sebbene ci possano essere differenze più o meno sostanziali a seconda delle diverse aree geografiche. La costa e le aree pianeggianti tendono ad avere estati più calde rispetto alle zone collinari e montuose, sebbene la costa in particolare possa godere dell'influenza del mare, che rende le temperature un pò più fresche ed accettabili. Prendendo il tempo come prima considerazione, i mesi migliori per visitare la Toscana (che sono anche i mesi più affollati e costosi) sono aprile, maggio, giugno, settembre ed ottobre. Questi mesi offrono la convenienza dell'alta stagione con tempo molto godevole. Le giornate sono prevalentemente soleggiate, sebbene non manchi anche qualche giorno di pioggia. La parte più difficile di viaggiare per la Toscana durante l'estate è il caldo torrido di luglio ed agosto. In questi mesi, le temperature possono arrivare intorno ai 30 gradi o su di lì. Nonostante ciò, ci possano essere eccezioni e lunghi periodi di siccità che causano periodi particolarmente caldi.

La spiaggia di Cavoli sull'isola d'Elba in estate

Anche in inverno il sole allieta le giornate in Toscana e le temperature sono abbastanza miti, sebbene di notte calino bruscamente, soprattutto nelle zone di collina. Il consiglio è quello di vestirsi a strati, in modo da essere preparati ad affrontare gli sbalzi di temperatura fra il giorno e la sera.

I mesi più freddi sono gennaio e febbraio (il primo un pò più del secondo)! Le temperature si avvicinano ai 7 gradi centigradi lungo la costa ed ai 3.5 / 5.5 gradi centigradi verso l'interno. Per non parlare della montagna, dove le temperature sono a dir poco gelide, e dove la neve che spesso ne ricopre i versanti attrae sciatori provenienti da ogni dove, che scelgono la Toscana per trascorrere una vacanza invernale all'insegna dello sport! Interessati in sciare o altre attività invernali? Leggete nostri consigli su dove e cosa fare!

Di media, novembre è il mese in cui si registra una quantità maggiore di precipitazioni, come del resto ad ottobre, dicembre, marzo ed aprile, mesi che non sono comunque classificati come tra i più "bagnati"! Ma ogni anno è diverso dagli altri - motivo per cui si può parlare solo di previsioni, e non di certezze! - per cui le informazioni che vi stiamo dando servono solo a darvi un'idea generale di cosa potrete aspettarvi.

E' importante tener presente che la stagione turistica in Toscana va da metà aprile alla fine di settembre, con luglio ed agosto come mesi di altissima stagione. I periodi migliori per visitare la Toscana, quindi, sono i mesi più tranquilli, ovvero da aprile a giugno e da settembre ad ottobre, quando il tempo è in linea di massima buono, i prezzi sono un pò più bassi e soprattutto ci sono meno turisti ad affollare i siti di maggior attrazione turistica. Ciò significa meno code ai musei più importanti, che di conseguenza saranno anche meno affollati all'interno, e tempi di attesa meno lunghi per mangiare presso i ristoranti più popolari (dove comunque è sempre meglio prenotare in anticipo).

Proprio per questo in molti hanno recentemente scoperto - ad apprezzato - i vantaggi di viaggiare in "bassa stagione" (inverno ed inizio di primavera), quando i prezzi sono più bassi e il numero di turisti molto inferiore. Leggete tutti i vantaggi che ci sono per visitare Toscana in bassa stagione!

Altri periodi di altissima stagione sono quelli vicini a Pasqua e a Natale, quando gli italiani possono approfittare di qualche giorno di vacanza (come del resto succede in agosto). C'è da aspettarsi, dunque, prezzi più alti, così come durante tutto luglio ed agosto, sia per gli alloggi che per molti dei servizi offerti.

       Average Temps by Month                                    Highs                                                                      Lows

Gennaio52 °F (11 °C)
37 °F (3 °C)
Febbraio55 °F (13 °C)
37 °F (3 °C)
Marzo61 °F (16 °C)
43 °F (6 °C)
Aprile66 °F (19 °C)
46 °F (8 °C)
Maggio73 °F (23 °C)
54 °F (12 °C)
Giugno81 °F (27 °C)
59 °F (15 °C)
Luglio86 °F (30 °C)
64 °F (18 °C)
Agosto86 °F (30 °C)
63 °F (17 °C)
Settembre81 °F (27 °C)
59 °F (15 °C)
Ottobre72 °F (22 °C)
52 °F (11 °C)
Novembre61 °F (16 °C)
45 °F (7 °C)
Decembre54 °F (12 °C)
40 °F (4 °C)

 

È importante avere l'aria condizionata in camera?

Molti alloggi possono non offrire l'aria condizionata, perchè effettivamente non ne hanno mai avuto bisogno: molti agriturismo e ville storiche sono strategicamente situati in cima alle colline, circondati da alberi e boschi che offrono un refrigerio naturale, rendendovi la permanenza veramente piacevole. Molte strutture, inoltre, sono caratterizzate da muri in pietra molto spessi, che aiutano a mantenere gli ambienti freschi in estate e caldi in inverno.